contatti@avvocatoalbertorizzo.it
Piazza Arpino 7, 12042 Bra (CN)

Social network:

Attività professionaleIl diritto al rimborso integrale dei buoni postali scaduti

23 Settembre 2019
Un ricorso il cui esito conferma la giurisprudenza in materia e può essere invocato da tutti i risparmiatori in possesso di buoni fruttiferi postali scaduti o in scadenza (serie O, P e Q) di cui Poste Italiane si rifiuta di riconoscere i rendimenti riportati nelle tabelle.
Il successo dell’avvocato braidese Alberto Rizzo, esperto di diritto bancario e finanziario, che ha rappresentato in Arbitrato due concittadini eredi di un sottoscrittore, ha un valore che va oltre in caso in specie, e per questo vi diamo spazio sulle pagine del nostro giornale. La questione ci è sinteticamente illustrata dal legale: “per dei buoni fruttiferi postali sottoscritti nel 1986 dal defunto marito e padre, e da questo lasciati in eredità alla moglie e al figlio, che prevedevano dei rendimenti pari a oltre 50mila euro, Poste Italiane, al momento della presentazione dei buoni agli sportelli da parte degli eredi, si era rifiutata di corrispondere quanto indicato negli stessi, offrendo di pagare soltanto l’importo di euro 33mila e sostenendo che i rendimenti riportati nei buoni postali erano stati modificati dal Governo nel Giugno del 1986”.

Un comportamento in contrasto con il principio di diritto affermato dalla Cassazione, a Sezione Unite, con la sentenza n. 13979/2007, che conferma il diritto dei risparmiatori a vedersi riconosciuti i rendimenti riportati, a prescindere

da quanto disposto dal decreto ministeriale. Per dirla con la rigorosa lingua del giurista, che l’avvocato Rizzo maneggia e possiede: “il vincolo contrattuale tra emittente e sottoscrittore dei titoli si forma sulla base dei dati risultanti dal testo dei buoni di volta in volta sottoscritti.
In riferimento al saggio degli interessi, ne deriva che il contrasto tra le condizioni apposte sul titolo e quelle stabilite dal decreto ministeriale che ne disponeva l’emissione deve essere risolto dando la prevalenza alle prime, essendo esso contrario alla funzione stessa dei buoni postali, destinati a essere emessi in serie.

Questo per rispondere alle richieste di un numero indeterminato di sottoscrittori sulla possibilità che le condizioni alle quali l’amministrazione postale si obbliga possano risultare, sin da principio, diverse da quelle espressamente rese note al risparmiatore all’atto della sottoscrizione del buono”. Il consiglio ai possessori di questi titoli è, quindi, “di rivolgersi a professionisti specializzati nella materia della tutela del risparmio, per far verificare i propri buoni e controllare il diritto a ottenere l’applicazione dei rendimenti”. Lettori che si trovano in questa condizione possono contattare il giornale, cui l’avvocato ha dato disponibilità a offrire eventuali delucidazioni.

 

APRI L'ORIGINALE


Il Monviso, 23 settembre 2019

https://avvocatoalbertorizzo.it/wp-content/uploads/2020/05/alberto-rizzo-logo-footer-220x50-2.png
Piazza Arpino 7 - 12042 Bra CN
0172 44812 | 328 4643900
contatti@avvocatoalbertorizzo.it

Social network:

RIFERIMENTI

alberto.rizzo@ordineavvocatialba.eu
RZZ LRT 72M24 B111O
IT 02916940048

© 2020, Calvi & Partners