contatti@avvocatoalbertorizzo.it
Piazza Arpino 7, 12042 Bra (CN)

Social network:

Cultura CivicaL’indagine sul premier Conte e l’archiviazione

18 Agosto 2020

Il Dubbio pubblica il mio contributo sul Tribunale dei Ministri.
Ringrazio il Direttore, Carlo FUSI, per la trasparenza e l’indipendenza adottata nella linea editoriale.
Valori, questi, in apparente dissolvimento in questo periodo.
Alimentare la cultura del dubbio, che conduce alla ricerca della Verità, ritengo faccia parte della missione dei Giusti.

 

L’indagine sul premier Conte e l’archiviazione: dare giudizi non è nella disponibilità della procura di Roma

 

Con riferimento all’articolo di Paolo Delgado pubblicato su Il Dubbio del 14 agosto: “Che boomerang attaccare il governo per la gestione della pandemia del secolo”, faccio notare che non rientra nella disponibilità giuridica della Procura della Repubblica di Roma dare giudizi, o formulare pareri, in ordine alle indagini in corso sul Premier Conte e su alcuni Ministri dell’attuale Governo.

Inoltre, la legge non prevede lo svolgimento di alcun atto di indagine da parte della Procura della Repubblica di Roma, la quale avrebbe dovuto – entro quindici giorni – trasmettere gli atti al cosiddetto Tribunale dei Ministri.

Una volta ottenuta l’autorizzazione a procedere, il giudizio di primo grado spetta al tribunale ordinario del capoluogo del distretto di corte d’appello competente per territorio. Non, però, al Tribunale dei Ministri: anzi, i componenti di quest’ultimo, nel momento in cui ha svolto le indagini, non possono partecipare alle ulteriori fasi del procedimento. Pare utile fornire un inquadramento giuridico della materia.

 

Normativa di riferimento

La materia è attualmente regolata dalla legge costituzionale 16 gennaio 1989, n. 1. La norma ha modificato, tra gli altri, l’art. 96 della Costituzione il quale, in precedenza, prevedeva che per i reati commessi dai membri del Governo, il Presidente del Consiglio dei Ministri e i Ministri stessi potessero essere messi in stato d’accusa dal Parlamento in seduta comune e giudicati dalla Corte Costituzionale in una speciale composizione.

Ora lo stesso articolo prevede che: «Il Presidente del Consiglio dei Ministri e i Ministri, anche se cessati dalla carica, sono sottoposti, per i reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni, alla giurisdizione ordinaria, previa autorizzazione del Senato della Repubblica o della Camera dei deputati, secondo le norme stabilite con legge costituzionale.»

Queste ultime norme sono contenute nella stessa legge costituzionale 16 gennaio 1989, n. 1; la stessa norma prevede che i Ministri non siano processabili per reati ministeriali commessi nell’esercizio delle proprie funzioni, a meno che la Camera di competenza lo consenta. Essa infatti può: «negare l’autorizzazione a procedere ove reputi, con valutazione insindacabile, che l’inquisito abbia agito per la tutela di un interesse dello Stato costituzionalmente rilevante ovvero per il perseguimento di un preminente interesse pubblico nell’esercizio della funzione di Governo» (legge costituzionale n. 1/1989, art. 9)

 

Struttura del Tribunale dei Ministri

Presso il tribunale ordinario del capoluogo del distretto di Corte d’Appello è istituito un collegio composto di tre membri effettivi e tre supplenti, estratti a sorte tra tutti i magistrati in servizio nei tribunali del distretto che abbiano da almeno cinque anni la qualifica di magistrato di tribunale o qualifica superiore.Il collegio, comunemente noto come Tribunale dei Ministri anche se la legge non usa mai questa espressione, è presieduto dal magistrato con funzioni più elevate, o, in caso di parità di funzioni, da quello più anziano d’età. Il collegio si rinnova ogni due anni ed è immediatamente integrato in caso di cessazione o di impedimento grave di uno o più dei suoi componenti. Alla scadenza del biennio, per i procedimenti non definiti, è prorogata la funzione fino alla definizione del procedimento.Il Tribunale dei Ministri è competente per tutti i reati ministeriali commessi nel distretto ove è istituito.

 

Procedimento

I rapporti, i referti e le denunzie per i reati ministeriali sono trasmessi al procuratore della Repubblica presso il tribunale del capoluogo del distretto di corte d’appello competente per territorio, il quale, senza compiere nessun tipo di indagine, deve entro quindici giorni trasmettere gli atti al tribunale dei ministri e darne immediata comunicazione ai soggetti interessati, affinché possano presentare memorie o chiedere di essere ascoltati.

Ricevuti gli atti, il Tribunale dei Ministri entro novanta giorni, compiute indagini preliminari e sentito il pubblico ministero, può decidere l’archiviazione – nel qual caso il decreto non è impugnabile (il procuratore della Repubblica può solo chiedere al collegio di svolgere ulteriori indagini, precisandone i motivi; il collegio decide nei sessanta giorni successivi) – oppure la trasmissione degli atti con una relazione motivata al procuratore della Repubblica, affinché chieda l’autorizzazione a procedere ai sensi dell’art. 5 della legge cost. n. 1/1989.

L’autorizzazione è chiesta alla camera di appartenenza degli inquisiti, anche se alcuni di loro non sono membri del parlamento. Se gli inquisiti appartengono a camere diverse o nessuno di loro è membro del Parlamento, l’autorizzazione è chiesta al Senato. La camera competente – sulla base dell’istruttoria condotta dall’apposita giunta – può negare, a maggioranza assoluta, l’autorizzazione ove reputi, con valutazione insindacabile, che l’inquisito abbia agito per la tutela di un interesse dello Stato costituzionalmente rilevante ovvero per il perseguimento di un preminente interesse pubblico nell’esercizio della funzione di governo.

 

Misure cautelari

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, i ministri, nonché gli altri inquisiti membri del parlamento non possono essere sottoposti a misure limitative della libertà personale, a intercettazioni telefoniche, a sequestro o violazione di corrispondenza ovvero a perquisizioni personali o domiciliari senza l’autorizzazione della camera competente secondo il citato art. 5, salvo che siano colti nell’atto di commettere un delitto per il quale è obbligatorio il mandato o l’ordine di cattura.

 

Giudizio

Una volta ottenuta l’autorizzazione a procedere, il giudizio di primo grado spetta al tribunale ordinario del capoluogo del distretto di corte d’appello competente per territorio.

Non, però, al Tribunale dei Ministri; anzi, i componenti di quest’ultimo, al momento in cui ha svolto le indagini, non possono partecipare alle ulteriori fasi del procedimento. Per le impugnazioni e gli ulteriori gradi di giudizio si applicano le norme del codice di procedura penale.

 

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download

 

Per questi, e per altri approfondimenti, puoi iscriverti al canale Youtube dell’avvocato braidese Alberto Rizzo, specializzato in Diritto Bancario e Postale, nonché direttore generale dell’Accademia di Educazione Finanziaria, ente presieduto dal professor Beppe Ghisolfi, banchiere e scrittore internazionale: VISITA IL CANALE YOUTUBE

 

LEGGILO ANCHE SU...


Il Dubbio, 19 agosto 2020

 

https://avvocatoalbertorizzo.it/wp-content/uploads/2020/05/alberto-rizzo-logo-footer-220x50-2.png
Piazza Arpino 7 - 12042 Bra CN
0172 44812 | 328 4643900
contatti@avvocatoalbertorizzo.it

Social network:

RIFERIMENTI

alberto.rizzo@ordineavvocatialba.eu
RZZ LRT 72M24 B111O
IT 02916940048

© 2020, Calvi & Partners